Il ministero dei Beni culturali sceglie Travel Appeal per monitorare la reputazione di 27 musei

Jan 23, 2016 174

di Arcangelo Rociola

Un incontro con Dario Franceschini, hanno presentato il loro progetto che è piaciuto al ministro. La startup incubata da H-Farm racconta l'accordo e perché sono stati scelti per monitorare la reputation dei musei italiani. «Abbiamo incontrato il ministro Dario Franceschini ad un evento qualche settimana fa. Gli abbiamo spiegato il nostro progetto sulla reputazione dei musei italiani. Lui dopo qualche settimana ci ha contattato». Forse è raro che un ministro richiami a stretto giro una startup per saperne di più sulle sue attività. Ma sta volta è successo.

E' nato così l'accordo tra il ministero dei Beni culturali e il turismo e Travel Appeal, l'azienda incubata da H-Farm che ha sviluppato un algoritmo proprio per valutare l'appeal online. Lo racconta a StartupItalia! il ceo e founder Mirko Lalli. Forniranno al ministero il loro algoritmo per calcolare la reputazione online di 27 musei italiani. Lalli sembra avere ben chiara la portata dell'accordo. Quella simbolica al di là di quella commerciale. «I musei italiani oggi sono concentranti più sulla "conservazione" che sulla "valorizzazione". Il fatto di porsi nell'ottica di ascoltare e usare i dati di ascolto per migliorare, beh è una bella cosa».

Read more

Source: http://startupitalia.eu/

You may be interested