L'italiano che a Stanford fa “dormire” le staminali

Jul 07, 2016 417

LE CELLULE staminali sono una grande promessa della medicina rigenerativa e per le malattie neurodegenerative. Il merito è tutto della loro capacità di riserva, meglio della loro capacità di dare origine, dividendosi, sia a cellule identiche a se stesse - e quindi, di nuovo staminali - che di differenziarsi, ovvero di produrre cellule con funzione diversa a seconda delle esigenze. Per questo sono tanti gli studi che cercano di utilizzarle per rimpiazzare, per esempio, cellule perse in seguito a traumi o sostituire tessuti malati, come nel caso delle distrofie muscolari.

Ma maneggiare in laboratorio queste 'riserve cellularì è tutt'altro che semplice. Per esempio, nel caso delle staminali del muscolo, quando le si coltiva in laboratorio perdono potenza, diventano meno brave a mantenere la loro identità staminale e cominciano a differenziarsi, perdendo così anche la capacità di rigenerare nuovo muscolo. Già nel giro di poche ore.

Read more

Source: http://www.repubblica.it/

You may be interested