Albany. Un tributo all'Italia e gli italoamericani

Nov 11, 2012 1245

Tributo all'Italia e agli italiani lunedì nella capitale dello Stato di New York, in occasione dell'Italian-American Day svoltosi nel palazzo del Governo e nello studio del comptroller Thomas Di Napoli, che ha voluto dedicare una proclamation alla Italy America Chamber of Commerce, nella ricorrenza del 125.mo anniversario della fondazione.
Nel salone "Well" del Legislative Office Buinding il presidente della New York State Conference of Italian American Legislators, senatore Joe Griffo ha dato il via alla giornata di festeggiamenti.


"Sono un orgoglioso componente della Conference bi-partisan da quando sono stato eletto al Senato nel 2006 e mi ritengo fortunato di lavorare a fianco di alcuni dei più stimati legislatori della Camera e del Senato appartenenti ad entrambi i partiti" ha detto il senatore Griffo, di Rome, che rappresenta il 47mo district delle contee di Lewis, Oneida e St. Lawrence.
Il senatore, accompagnato da una delegazione dei 46 legislatori italoamericani, ha sottolineato la missione della Conference di "promuovere e celebrare il contributo degli italiani d'America al Paese in tutti gli aspetti della società, oltre a combattere gli stereotipi negativi sugli italoamericani".
Nello studio dello State Comptroller Thomas Di Napoli si è svolta la cerimonia di consegna della proclamation dedicata alla Italy America Chamber of Commerce rappresentata dal suo segretario generale Franco De Angelis, accompagnato da Federico Tozzi vice segretario generale, Domenico Mignone presidente della Italian Hospital Society, Mario Mignone docente e fondatore del Center for Italian Studies presso la Suny, Marco Evangelista direttore di Visitaly e Francesca Verga, chairperson del comitato National Organization Italian American Women.
De Angelis ha consegnato al comptroller Di Napoli una medaglia coniata per il 125.mo anniversario, riassumendo l'antica storia della prima Camera di commercio binazionale istituita sul territorio statunitense nel 1887 da 13 italiani in un albergo-ristorante situato a Blecker Street che si chiamava Campidoglio.
Di Napoli ha ringraziato la Camera a nome del popolo dello Stato augurando successo e si è voluto informare sulla situazione economica in Italia e più in generale in Europa, ma anche sul nuovo governo italiano, auspicando che possa traghettare il Paese fuori dalle acque tempestose della crisi.
"È un riconoscimento - ha detto De Angelis - alle attività della Camera a favore dello sviluppo dei rapporti culturali e commerciali tra l'Italia e gli Stati Uniti".
Nell'adiacente palazzo del governo in stile neo-rinascimentale, i senatori italoamericani hanno dedicato una seduta dell'Aula all'Italian-American Day, osservando, ad inizio dei lavori, un minuto di silenzio in omaggio alle vittime del sisma in Emilia Romagna.
In questa giornata in cui ad Albany si è celebrata l'italianità newyorkese d'eccellenza, il Senato ha voluto assegnare alcuni riconoscimenti che sono andati alla giornalista Rosanna Scotto, all'ex giocatore dei Mets John Franco e a Peter Vallone, uno dei più influenti personaggi politici degli ultimi decenni ed ex presidente del Consiglio comunale.
La settimana scorsa per il pitcher John Franco s'era conclusa all'insegna degli onori raccolti nel campo del baseball e la nuova si è aperta nella capitale con l'omaggio del Senato statale di cui è stato "Special Honoree".
Nell'aula è stato un continuo pellegrinaggio di senatori che non hanno voluto mancare l'occasione di farsi ritrarre a fianco di una delle figure più popolari del baseball degli anni passati che vanta la presenza record (è il terzo in classifica) in 1.119 partite.
È considerato un team player anche fuori dal campo dove è personalmente impegnato ad assistere le famiglie dei vigili del fuoco rimasti vittime degli attentati dell'11 Settembre.
Il nome di Franco, originario di Brooklyn, sabato era stato iscritto nella Hall of Fame dei Mets e lunedì, a fianco del senatore Griffo e Rosanna Scotto, ha simbolicamente avviato la sessione del Senato che gli ha consegnato una targa ricordo.
Un'altra "Special Honoree" newyorkese doc è stata Rosanna Scotto, il volto di "Good Day New York" in onda sul network "Fox 5", che aveva iniziato la sua carriera televisiva nel 1896 in un canale di Ted Turner ad Atlanta.
Da quando è alla Fox la Scotto - pure originaria di Brooklyn - ha raccolto una quantità di premi, tra cui 3 Emmy per la conduzione di "News at 10", "Good Day New York" e altri ancora per il suo instancabile impegno comunitario.
Anche a Rosanna Scotto i senatori hanno consegnato una targa ricordo in occasione della premiazione nel giorno del Italian-American Day.
Un riconoscimento speciale è andato ad una persona speciale, Peter Vallone padre, battagliero presidente prima e poi leader della maggioranza del consiglio comunale di New York dal 1986 al 2001, dove ha rappresentato il 22.mo district di Astoria, Queens dal 1974.
Alle volte sanguigno, Peter Vallone ha sempre ragionato a voce alta quando pretendeva responsabilità fiscale, mentre cercava di riportare la City ad una città vivibile portando il numero delle forze dell'ordine da 26 mila unità del 1989 alle 41 mila del 2001 con una drastica riduzione della criminalità.
Lasciata City Hall, Peter Vallone è tornato alla professione legale nello studio fondato da suo padre, il giudice Charles Vallone a cui è dedicata la Corte civile del Queens.

You may be interested