Cuore in Italia, portafoglio nella Silicon Valley. Viaggio tra le nostre start-up di San Francisco

Jan 17, 2016 646

di Michele Masneri

San Francisco. Si arriva al consolato italiano dalle parti di Pacific Heights naturalmente in Uber, a chilometri zero, perché la società ha sede qui in città e i tassisti, sparuti, sono ormai quasi un'attrazione turistica. Qualche giorno fa la compagnia locale di taxi è fallita, nessuno ha attaccato i concorrenti, c'è la consapevolezza di far parte di un business sconfitto dal tempo.

Il dinamico console generale d'Italia, Mauro Battocchi, è un punto di riferimento nell'ecosistema più tecnologico d'America. "Tra un po' arriverà l'automobile autonoma, la self driving car", dice. "La combinazione tra l'auto autonoma e i servizi Uber porterà a un concetto di trasporto completamente diverso". 

Read more

Source: http://www.ilfoglio.it/

You may be interested