Ristoranti, i vip Usa sedotti dal made in Italy

Dec 06, 2012 815

La passione per la buona cucina italiana e i suoi prodotti a volte si trasforma in business. Lo sanno bene i protagonisti del luccicante mondo di Hollywood che si scoprono o si improvvisano imprenditori nel campo della ristorazione o dell'alimentazione.
Tra gli esempi più noti la leggenda del rock Sting che nel 2009 ha acquistato un agriturismo in Toscana, regione famosa per essere la culla dell'arte italiana. All'interno della proprietà, a circa 30 chilometri da Firenze si producono olio extravergine di oliva (a bassissima acidità), miele d'acacia e di castagno, marmellate, frutta e verdura.
TUTTI PAZZI PER LA TOSCANA. Ed è proprio la Toscana, secondo uno studio di Polli Cooking Lab - osservatorio internazionale creato dall'omonima azienda di alimentari italiana che ha monitorato più di 200 giornali e 1.200 siti internet - ad essere la regione che catalizza maggiormente l'attenzione dei divi di Hollywood: il 31% di loro è innamorato della zona. Secondo il sondaggio di Polli la medaglia d'argento delle preferenze va al Veneto (23%), Piemonte (19%), Emilia-Romagna (16%), Campania (11%) e Sicilia (9%).
IL LIMONCELLO DI DANNY DE VITO. Secondo i divi l'italian food è soprattutto sinonimo di buon gusto (32%), credibilità (27%) e positività (21%). Lo sa bene Danny De Vito. Il suo Limoncello Premium, il celebre liquore realizzato esclusivamente con limoni prodotti e lavorati nel Sud Italia, è stato citato dal Time all'interno della classifica dei 10 principali prodotti realizzati da celebrità.
LA GAGA TRATTORIA. La passione per il cibo italiano ha contagiato anche la famiglia della celebre cantante Lady GaGa. Il padre, di origini italiane, e la madre hanno aperto a New York nella zona dell'Upper West Side, su Columbus Avenue, la trattoria Joanne dove è possibile gustare piatti tipici italiani, in un ambiente che cerca di ricreare l'atmosfera della Toscana, con paesaggi campestri alle pareti.
IL RISTORANTE DI ROCKY. La passione per pizza e pasta hanno fatto dimenticare ai divi americani la moda della gestione dei vari Planet Hollywood per dedicarsi a ristoranti che celebrano il made in Italy a tavola. Ne è un esempio Sylvester Stallone; il celebre attore di origini italiane, assieme a DeVito e Charlie Sheen, ha di recente comprato il Buca di Beppo Restaurant, situato in California presso l'Universal City Location.
IL RISOTTO AI FUNGHI DI SCOTT E DE NIRO. Il profumo di risotto ai funghi e pollo (fritto) alla toscana, preparati rigorosamente nella cucina con forno a legna aperta direttamente sulla sala, accoglie invece gli avventori del ristorante Ago di Los Angeles. Diretto dallo chef Agostino Sciendri, il ristorante è di proprietà del regista Ridley Scott e di Robert De Niro. Ma l'attore premio Oscar ha anche aperto di recente un nuovo locale italiano, Locanda Verde, a New York.
DA COPPOLA A HOGAN. Poi c'è il regista italo-americano Francis Ford Coppola che all'interno del suo ristorante Café Zoetrope di San Francisco è orgoglioso di offrire ai suoi ospiti le specialità del suo Paese di origine.
Ma la passione per la cucina italiana ha contagiato anche le star più eccentriche come l'ex campione di wrestling Hulk Hogan, come si fa chiamare Terry Gene Bollea, il quale ha ideato Pastamania, una catena di ristoranti tipici italiani distribuita a Singapore, Malaysia, Indonesia, India e Medio Oriente.
L'ITALIA IN UN RISTORANTE. La cucina made in Italy non basta. I più golosi e appassionati vogliono immergersi profondamente nell'atmosfera del Bel Paese. Così le star-imprenditrici appeno nei loro locali quadri ispirati all'arte italiana (34%), mettono famosi brani italiani come sottofondo musicale (23%), ricreano sulle proprie pareti paesaggi suggestivi tipicamente italiani (20%) e arredano il ristorante ispirandosi all'arte ed al design made in Italy (15%).

You may be interested